Immagine121 SORIANO_CALABROVV_PALAZZO_lIBERTY__SEDE_DELLA_BIBLIOTECA_CALABRESE SORIANO_CALABRO_VV_BIBLIOTECA_CALABRESE_SALE_DI_CONSULTAZIONE

Il progetto – che punta alla conoscenza delle vicende che hanno segnato la nostra regione - vedrà come protagonisti gli studenti del liceo “Machiavelli”

 

Lo scatto del fotografo Montepaone simbolo del progetto
Lo scatto del fotografo Montepaone simbolo del progetto

Un percorso nella storia della propria terra. Un viaggio per riflettere su temi connessi con la cultura, la mentalità, le tradizioni, la fede e l’arte della regione. È la sintesi del progetto “Identitas. Noi gente di Calabria” promosso dall’impresa culturale “ Kαλα’ ”, dall’Istituto della Biblioteca calabrese e dal Comune di Soriano Calabro in programma dal 9 al 29 maggio. Attraverso una stretta collaborazione con il liceo scientifico “Machiavelli” gli studenti sono condotti in un processo per ricostruire “l’identità” ovvero l’insieme di tutte le caratteristiche che rendono l'individuo e l’ambiente con cui interagisce unici, inconfondibili e speciali.

Il progetto e le finalità. La conoscenza delle vicende che hanno segnato il territorio, così come spiegato dai promotori, consente ai giovani di indagare le radici e comprendere al meglio la realtà. L’elaborazione delle informazioni, infatti, risultano necessari per riconoscere “le cause” e mitigare “gli effetti” che nel corso del tempo hanno condizionato la propria identità storico-culturale. “Noi gente di Calabria” (foto Raffaele Montepaone) entrerà nel vivo il 9 maggio, dalle 9.30. Nell’ambito del primo appuntamento (tutte le giornate si terranno nella Sala consiliare del Comune di Soriano) si discuterà dell’affermarsi in Europa di determinate ideologie e l’inarrestabile susseguirsi di eventi e mutamenti socio-economici che sono stati inquadrati nel periodo storico chiamato “Risorgimento”. Fatti che a  partire dalla Rivoluzione Francese fino alla fine della Prima Guerra Mondiale, hanno profondamente segnato la storia della nostra Terra di Calabria e del Sud d’Italia in generale.

 

Il programma completo

9 maggio 2018

Ore 9.30 – Presentazione alle classi del Liceo scientifico “Machiavelli” di Soriano Calabro del Tema “La Calabria dal Secolo dei Lumi ad oggi”

Intervengono: Padre Lorenzo Di Bruno ed il giornalista e scrittore Pino Aprile.

Ore 18.00 – Pino Aprile presenta il libro “Carnefici”.

 

15 maggio 2018

Ore 9.30 – Presentazione alle classi del Liceo scientifico “Machiavelli” di Soriano Calabro del Tema “Uomini di Calabria”

Intervengono: Cristiana La Serra – Associazione Mnemosyne e Giuseppe Naccarato uno dei creatori dell’applicazione “ViaggiArt”.

Ore 18.00 – “Realtà calabresi a confronto” con Francesco Bartone – sindaco di Soriano Calabro, Mariangela Preta Associazione Mnemosyne e Giuseppe Naccarato – ViaggiArt. Modera Francesco Pascale – Cooperativa Kairos.

 

24 maggio 2018

Ore 9.30 – Presentazione alle classi del Liceo Scientifico “Machiavelli” di Soriano Calabro del Tema “Fede e Tradizioni in Calabria”

Interviene: Francesco Colelli.

Ore 18.00 – Padre Lorenzo Di Bruno presenta il libro “I protagonisti raccontano”. Conversa con l’Autore Lilly De Seta

 

29 maggio 2018

Ore 9.30 – Presentazione alle classi del liceo scientifico “Machiavelli” di Soriano Calabro del Tema “L’Arte in Calabria”

Intervengono: Padre Lorenzo Di Bruno ed il restauratore calabrese Giuseppe Mantella.

Ore 18.30 – Giuseppe Mantella presenta il libro “Mattia Preti e il San Luca che dipinge la Vergine con il Bambino per la Chiesa di S.Francesco d’Assisi a La Valletta”. Conversa con l’autore Maria D’Andrea.

 

 

Fonte: https://www.ilvibonese.it/cultura/10577-soriano-calabro-parte-progetto-identitas-noi-gente-calabria-scuola-machiavelli 

Pubblicato il bando per finanziare interventi tesi al funzionamento delle biblioteche e archivi storici. Corigliano: «Si mira all’accesso al patrimonio libraio e al diritto alla lettura»

 

 

CATANZARO Un milione di euro per il sistema bibliotecario calabrese. È la dotazione del bando, pubblicato sul sito della Regione, per interventi finalizzati a sostenere il funzionamento delle biblioteche e degli archivi storici della Calabria. L’iniziativa sarà illustrata mercoledì 4 luglio, alle ore 16, nella sede della Cittadella a Catanzaro, in una manifestazione pubblica rivolta ai beneficiari e agli operatori del settore.
A comunicarlo, l’ufficio stampa della giunta regionale. In particolare la dotazione finanziaria di un milione di euro di fondi Pac 2014/2020 è destinata a finanziare azioni per la tutela e la valorizzazione e la messa in Rete del patrimonio culturale materiale e immateriale.
I destinatari sono i Comuni, i Sistemi bibliotecari territoriali e le biblioteche scolastiche inserite nella Rete del Sistema bibliotecario regionale.
«Ma quest’anno – evidenzia l’assessore regionale alla Cultura Maria Francesca Corigliano (nella foto) – si è voluto fortemente inserire nel bando anche le biblioteche di interesse locale, riconosciute dal Dpgr ai sensi della legge 17/85, per dare modo sia alla Biblioteca civica di Cosenza che alla Biblioteca di Soriano Calabro di poter accedere ai finanziamenti. L’attenzione della giunta Oliverio verso la cultura e il patrimonio immateriale della Calabria – conclude Corigliano – si declina attraverso azioni diversificate. Pertanto, il sostegno economico alle biblioteche assume la duplice valenza di diffusione della lettura tramite il potenziamento delle biblioteche e di accesso democratico al patrimonio librario».

 

Fonte: https://www.corrieredellacalabria.it/regione/item/147267-sistema-bibliotecario-calabrese-dalla-regione-un-milione/ 

Cultura - Catanzaro, 29/06/2018

Maria Francesca Corigliano

È stato pubblicato sul sito della Regione il Bando pubblico per interventi finalizzati a sostenere il funzionamento delle biblioteche e degli archivi storici della Calabria che sarà illustrato, mercoledì prossimo 4 luglio, alle ore 16, nella sede della Cittadella a Catanzaro, in una manifestazione pubblica rivolta ai beneficiari e agli operatori del settore.

 

La dotazione finanziaria è di 1 milione di euro di fondi Pac 2014/2020 destinati ad azioni per la tutela e la valorizzazione e la messa in Rete del patrimonio culturale materiale e immateriale.

 

I destinatari sono i Comuni, i Sistemi bibliotecari territoriali e le biblioteche scolastiche inserite nella Rete del Sistema bibliotecario regionale.

 

“Ma quest’anno – evidenzia l’assessore regionale alla cultura Maria Francesca Corigliano – si è voluto fortemente inserire nel Bando anche le biblioteche riconosciute con apposite leggi regionali, per dare modo sia alla Biblioteca Civica di Cosenza che alla Biblioteca di Soriano Calabro di poter accedere ai finanziamenti. L’attenzione della Giunta Oliverio verso la cultura e il patrimonio immateriale della Calabria – rimarca l’assessore Corigliano – si declina attraverso azioni diversificate. Pertanto, il sostegno economico alle biblioteche assume la duplice valenza di diffusione della lettura tramite il potenziamento delle biblioteche e di accesso democratico al patrimonio librario”. 

 

Fonte: http://www.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view.cfm?8908 

Era il mio ultimo anno all’ università di Messina ed ero alle prese con l’ ultimo esame di storia moderna: partii bene ed il risultato fu eccellente: trenta e lode.
- Professore, la tesi di laurea vorrei farla con lei.
Mi guardò con simpatia.
- Abito a Soriano, dove c’ è un celebre santuario domenicano, un argomento molto interessante. E’ d’ accordo?
Mi fissò perplesso: se lo vuoi…ma devi cavartela da solo perchè io non ti darò neppure un dito.
E così iniziò la mia “peregrinatio”, su e giù per le biblioteche.

A Vibo mi diede una mano affettuosa il vecchio conte Capialbi nella gloriosa biblioteca arroccata sotto il castello, disponibile tanto da lasciarmi solo a frugare nei vecchi volumi, eredità preziosa del proavo Vito, e poi a Reggio da Alfonso Frangipane e Cosenza e Catanzaro seduto a chiacchierare con don Pippo De Nobili. Ma non bastava e, naturalmente fui a Messina ed infine alle Nazionali di Napoli e di Roma.
Finalmente la tesi venne fuori, con soddisfazione mia e del relatore e fu approvata con il massimo e la lode ma mi lasciò dentro una voglia inespressa ed insoddisfatta.
Comincia proprio da qui la storia della Biblioteca Calabrese di Soriano; dalla faticosa ricerca di libri “calabresi” mai venuta meno negli anni, e proprio pensando ai laboriosi (e costosi) pellegrinaggi culturali, mi dissi che sarebbe stata una “mano santa” per i laureandi, calabresi e non, trovare tutto o quasi in una sola biblioteca, proprio qui, nel Vibonese; una biblioteca che raccogliesse solo ed esclusivamente testi che avessero a che fare con la Calabria e la sua cultura.
A Soriano facevo il preside della scuola media, quando – con questo sogno nel cassetto - m’ imbarcai nella mia unica avventura politica e mi candidai al Consiglio provinciale di Catanzaro.
Ce la feci in prima battuta pur se di stretta misura.
Forse era l’ occasione buona per realizzare il sogno. 
Macchè! Mi fecero fare, udite, udite… (io, che non avevo mai imbracciato un fucile e non sapevo un tubo di caccia, io amante della Natura e delle sue creature) mi fecero fare il presidente del Comitato caccia: - sai ci sono esigenze politiche ineludibili… - e mi incastrarono! 
Ma io, chiuso nel Palazzo di vetro di Catanzaro e confortato dall’ intelligente amico Raffaelli della Federcaccia, architettai la creazione delle prime ed uniche oasi naturalistiche della Calabria, una al lago dell’ Angitola ed un’ altra alla foce del Neto.
La prima resiste e splende per opera del WWF che l’ ha fatta sua, la seconda è minacciata dall’ Europaradiso!
Alle elezioni seguenti, vinsi a mani basse. Stavolta, pensai, l’ Assessorato alla cultura non me lo leva nessuno. 
Altro che assessore alla cultura, povero citrullo! 
Devi fare l’ Assessore alle Finanze – mi dissero untuosi - per il bene dell’ Amministrazione Provinciale e del partito; le finanze stanno andando a rotoli, c’ è bisogno di un amministratore pulito che metta ordine senza guardare in faccia a nessuno.
E mi incastrano di brutto e per la seconda volta.
Capite? io che a stento avevo scippato un sette in matematica alla maturità e solo per via dei nove e del dieci in storia dell’ arte, dovetti passare ben cinque anni, grintoso e rassegnato, a fare i conti con bilanci e capitoli di spesa, mandati e reversali e mutui da accendere e debiti da estinguere che non si vedeva la fine. 
Intanto l’ assessore alla Cultura istituiva i “Centri culturali del folklore e delle tradizioni popolari” a Lamezia, Tropea e Squillace; forse era l’ occasione buona ed io ci feci aggiungere fortunosamente e con l’ aiuto dell’ indimenticato Bruno Bosco, pure Soriano. 
Si arrivò alla conclusione del mandato e stavolta, nonostante consigli, pressioni ed inviti a ravvedermi, non volli ricandidarmi: temevo la terza fregatura.
Tornai a fare il preside e nel 1980, dieci anni prima di andarmene in pensione, raccolsi tutti i miei libri “calabresi”, li scaricai nelle cinque sale rimesse a nuovo al primo piano del bell’ edificio “Liberty”, che fa da fondale alla piazza di Soriano, tutto affacciato sulle verde vallata del Mesima a fronte dei dolci dossi del Poro lontano e lì, mi diedi a catalogarli e schedarli con amore ed entusiasmo – questa volta si! – dando finalmente l’ avvio alla realizzazione dell’ antico sogno: la Biblioteca Calabrese.
Eccoci arrivati al punto ed i benevoli lettori vorranno perdonarmi il noioso preambolo che ne racconta la nascita non dovuta al caso dunque, ma a lungo maturata e meditata e che ha avuto a stimolo essenziale di fondo, la voglia di mantenere viva e vivace, in un’ epoca di sempre più piatta e grigia omologazione, l’ identità culturale della nostra Terra e non per becero provincialismo ma come stimolo a crescere ed a conoscerla sempre più e meglio.
Rigorosamente “calabresi” sono dunque, gli oltre trentamilasettecento volumi conservati con geloso riguardo nella lunga teoria di librerie metalliche a prova d’ incendio, molti dei quali generosi doni.

 E voglio ricordare qui il mio buon amico, il teologo Ciccio Pugliese di Tropea, dove lo conobbi e lo ebbi collega al mio primo anno di insegnamento di storia dell’ arte nel liceo locale, che prima di morire mi lasciò la sua biblioteca ricca di oltre cinquemila volumi. Cinquemila, dico cinquemila, ma poco più di seicento restarono a Soriano

perché “calabresi”, mentre gli altri andarono al seminario Pio X di Catanzaro, nel rispetto delle sue volontà.
Resta il fatto che i volumi più rari e preziosi sono quelli acquistati presso le librerie antiquarie di mezzo mondo e di cui si dà puntuale notizia nella rubrica “Arrivi rari e preziosi” del nostro semestrale ROGERIUS. Rubrica che, a detta dei più assidui ed attenti lettori, è la prima ad essere cercata e letta, e non a torto, considerando gli straordinari tesori (gli ultimi colpi messi a segno…ci scherzano alcuni) di cui si dà puntuale notizia.
Fra i libri antichi, merita una evidenza particolare il fondo delle cinquecentine, motivo d’ orgoglio e fiore all’ occhiello della Biblioteca Calabrese.
Ci sono gli scritti dell’ umanista Pomponio Leto, il bastardo dei Sanseverino, nato in Calabria “ortus est in Calabris” – anche se altri cervelloni lo dicono pugliese o lucano – come testimonia il coetaneo Sabellico, scrivendone la vita alla fine dell’ Opera Pomponii Laeti, pubblicata a Strasburgo nel 1515.


Un trattato ancora di calligrafia, stampato a Roma nel 1561 di Giovan Battista Palatino che, per boria, si dice romano ma è nato invece nella nostra Rossano e - l’ ultimo acquisto - la rarissima, prima ed unica edizione napoletana del 1556 delle Tragedie di Coriolano Martirano, talmente rara questa, ed introvabile già nel ‘700, da indurre l’ erudito di Mammola Giangrisostomo Scarfò a ripubblicarle sotto il suo nome. Un plagio clamorosamente scoperto ed ingloriosamente conclusosi! 
Oggi, il “Tesoro di Soriano” - come lo ha simpaticamente definito in una recente intervista, il bravo giornalista Filippo Curtosi su Calabria Ora - necessariamente e momentaneamente trasferito in un’ ala del Palazzo Municipale per poter effettuare il restauro del Palazzetto della cultura, divenuto negli ultimi anni una chiavica, attende con impazienza di esservi degnamente e comodamente ricollocato.
E prima di chiudere

UN INVITO... Ai Calabresi di Calabria ed ai Calabresi della diaspora (che sono tanti e che se la portano nel cuore questa nostra Terra), agli studiosi, agli autori, agli editori ed a tutti coloro che amano la Calabria:

se avete amici che hanno in casa vecchi libri “calabresi” invitateli a farcene dono oppure a venderceli. Basterà che ci telefonino allo 0963.351275: noi siamo sempre disposti ad acquistarli e con estrema ed assoluta riservatezza!

Nicola Provenzano